Come si fa lanalisi del periodo

Come si fa lanalisi del periodo

Analisi del ciclo mestruale

L’analisi del ciclo mostra la dimensione intertemporale della teoria della produzione. È stata sviluppata da Alfred Marshall nel suo “Principles of Economics” del 1890 e da allora è rimasta praticamente inalterata. Cerca di spiegare come si raggiunge l’equilibrio e spiega i processi di aggiustamento per raggiungerlo, passando dall’equilibrio di breve periodo a quello di lungo periodo. Il suo metodo è in grado di classificare le forze con riferimento alla durata del processo di produzione, per poi confinare in ceteris paribus quelle forze che sono di minore importanza rispetto al tempo specifico che stiamo considerando. Si possono distinguere quattro periodi: brevissimo periodo, breve periodo, lungo periodo e lunghissimo periodo.

Il periodo di brevissimo periodo non viene normalmente studiato perché considerato irrilevante. È un periodo caratterizzato dal fatto che tutti i suoi fattori di produzione o input sono fissi, il che implica che non ci possono essere cambiamenti nelle loro quantità. I costi sono quindi considerati fissi e logicamente in questo periodo il progresso tecnologico è inesistente.

Significato di periodo su periodo

Nel blog di oggi, discuteremo del Problema della settimana n. 10. Il problema della settimana è una serie in corso in cui risolviamo scenari reali attraverso DAX e Power Query. Questa settimana ci occuperemo dell’analisi di un periodo di tempo. Potete vedere il video completo di questa esercitazione in fondo a questo blog.

Il problema di questa settimana è qualcosa che ho tratto dal mio lavoro e che può essere utilizzato in centinaia di casi, indipendentemente dal settore. Si tratta di date con l’elemento tempo. Il compito è quello di poter definire un particolare periodo di date, ma anche di selezionare un’ora di inizio e un’ora di fine.

  Come recuperare il pin della carta didentità elettronica

Questo è per i proprietari di aziende che vogliono conoscere le loro vendite o il numero dei loro clienti, o il numero di prodotti che stanno producendo dalle 12 del 23 gennaio alle 12 del 25 gennaio. La seconda parte del problema farà un ulteriore passo in avanti, eseguendo lo stesso calcolo ma prendendo in considerazione solo i giorni feriali, uno scenario comune per le organizzazioni che hanno dipendenti con un orario a turni.

Il problema sarà risolto solo con DAX, quindi assolutamente senza Power Query. L’aspetto interessante di questa sfida è che si basa su alcune semplici tecniche DAX che è necessario mettere insieme. Si tratta di scomporre il problema in piccoli passi.

Analisi periodo per periodo

L’analisi del periodo è un metodo di aggregazione utilizzato in demografia per catturare l’insieme dei comportamenti nel corso del ciclo di vita umano, esaminando le persone in diverse fasce di età all’interno di un periodo di tempo. Il periodo di tempo tipico utilizzato per l’analisi di periodo è un anno.

Supponiamo di voler misurare il numero totale di volte in cui si prevede che una persona svolga un’attività A nel corso della sua vita. Un’analisi “a coorte” esaminerebbe un gruppo di persone che hanno completato la loro vita e farebbe una media del numero di volte in cui le persone di quella coorte hanno svolto l’attività A. Ci sono due problemi con l’analisi a coorte:

  Come accorgersi che lui sta per venire

Supponiamo che il nostro obiettivo sia quello di stimare il numero atteso di volte in cui un periodo farà l’attività A nel corso della vita. Per un anno, osserviamo quante volte le persone di ogni età svolgono l’attività A. Poi, sommiamo i numeri (i valori del “tasso specifico per età”) tra tutte le età per ottenere un tasso totale.

Formula periodo su periodo

L’analisi della coorte per età e periodo (APC) svolge un ruolo importante nella comprensione degli elementi variabili nel tempo in epidemiologia. In particolare, l’analisi APC individua tre tipi di fenomeni variabili nel tempo: Effetti di età, effetti di periodo ed effetti di coorte. (1)

Gli effetti dell’età sono variazioni legate ai processi biologici e sociali di invecchiamento specifici degli individui.(2) Comprendono i cambiamenti fisiologici e l’accumulo di esperienze sociali legate all’invecchiamento, ma non correlati al periodo o alla coorte di nascita a cui un individuo appartiene. Negli studi epidemiologici gli effetti dell’età sono solitamente indicati da tassi di malattia diversi tra i gruppi di età.

Gli effetti di periodo derivano da fattori esterni che colpiscono allo stesso modo tutti i gruppi di età in un particolare momento del calendario. Possono derivare da una serie di fattori ambientali, sociali ed economici, come guerre, carestie, crisi economiche. Anche i cambiamenti metodologici nelle definizioni dei risultati, nelle classificazioni o nel metodo di raccolta dei dati possono portare a effetti di periodo nei dati. (3)

  Come trovare le coordinate di un punto

Gli effetti di coorte sono variazioni derivanti dall’esperienza/esposizione unica di un gruppo di soggetti (coorte) nel corso del tempo. Il gruppo più comunemente definito in epidemiologia è la coorte di nascita in base all’anno di nascita ed è descritto come differenza nel rischio di un esito sanitario in base all’anno di nascita. Pertanto, un effetto coorte si verifica quando la distribuzione delle malattie derivanti da un’esposizione interessa in modo diverso i gruppi di età. In epidemiologia, l’effetto coorte è concettualizzato come un’interazione o una modifica dell’effetto dovuta a un effetto di periodo che viene sperimentato in modo differenziato attraverso l’esposizione o la suscettibilità a quell’evento o a quella causa in base all’età.(4)

Questo sito web utilizza cookies proprietari necessari per una corretta visualizzazione dello stesso. Cliccando sul pulsante Accetta, accetti che venga usata questa tecnologia e la elaborazione dei tuoi dati a tale scopo.   
Privacidad