Come fare un commento di una poesia

Come fare un commento di una poesia

Come scrivere l’idea centrale di una poesia

Non ci sono regole fisse per scrivere un commento, ma verrà suggerita una struttura generale. Prima di iniziare a scrivere il commento, si dovrebbe sempre pianificare il testo, seguendo queste linee guida, se necessario.

Questa è la parte più sostanziale del commento. Non deve essere una semplice descrizione o parafrasi, ma un’analisi del funzionamento del linguaggio del brano. Di seguito sono elencati gli aspetti del testo che dovreste cercare:

Ricordate che è probabile che nessun testo presenti tutti questi elementi e che è meglio concentrarsi su quelli più rilevanti per il brano in questione. Inoltre, dovreste evitare di commentare semplicemente l’aspetto di una particolare tecnica: assicuratevi di dire perché vale la pena notarla. Idealmente, i vostri commenti dovrebbero essere coerenti per spiegare come i vari dispositivi linguistici si combinano per produrre l’effetto complessivo voluto dall’autore.

Come scrivere il nome di una poesia in un saggio

La poesia “Mago” è intelligente e abile come i trucchi che descrive. Attraverso l’uso di una metafora celata, combinata con un linguaggio terso e logico, Miranda esprime il desiderio umano di nascondersi dalla dura realtà della vita e trasmette al lettore che non ci si può rivolgere alla “magia” per trovare una risposta: dobbiamo scoprirla da soli.

  Domande da fare agli amici su di me

Il titolo della poesia è franco e autoesplicativo: una sola parola “mago”. Non c’è certamente alcuna magia qui, nessuna metafora o esposizione colorata. Il titolo assume un significato più chiaro, tuttavia, quando i messaggi centrali della poesia diventano evidenti. All’ultimo verso, il lettore vedrà il Mago come una figura potente, forse addirittura soprannaturale: questa idea viene sviluppata nel corso della poesia.

L’incipit è spavaldo, sicuro di sé: “Ciò che conta più della pratica/ è il fatto che voi, il mio pubblico… volete che io ce la faccia”. L’allitterazione di “conta di più” e le sottili mezze rime di “fatto”, “che” e “pratica”, “pubblico” trasmettono un certo compiacimento e l’idea che il numero del mago sia perfetto; gli inganni del mago sono senza sforzo, perché il pubblico vuole credergli. Metà del suo lavoro è fatto.

Come scrivere un commento

Questo articolo è stato scritto da Stephanie Wong Ken, MFA. Stephanie Wong Ken è una scrittrice canadese. I suoi scritti sono apparsi su Joyland, Catapult, Pithead Chapel, Cosmonaut’s Avenue e altre pubblicazioni. Ha conseguito un master in narrativa e scrittura creativa presso la Portland State University.

Un commento letterario è un’analisi dettagliata di un brano di testo, che si concentra specificamente sul testo stesso. Non va confuso con un saggio di analisi letteraria, in quanto non necessita di una tesi o di una discussione generale del libro nel suo complesso. Il commento letterario deve invece analizzare e riflettere solo su un passaggio specifico. Per scrivere un commento letterario, si deve iniziare leggendo il testo e creando uno schema. Poi, immergetevi subito in una discussione dettagliata del testo. Prima di consegnare il commento letterario, assicuratevi che sia curato nello stile, nella grammatica e nell’ortografia, in modo da essere al meglio.

  Domande divertenti da fare agli amici

Questo articolo è stato scritto da Stephanie Wong Ken, MFA. Stephanie Wong Ken è una scrittrice canadese. I suoi scritti sono apparsi su Joyland, Catapult, Pithead Chapel, Cosmonaut’s Avenue e altre pubblicazioni. Ha conseguito un master in narrativa e scrittura creativa presso la Portland State University. Questo articolo è stato visualizzato 678.853 volte.

Esempio di commento alla poesia

Per il commento IB, ci si aspetta che si spieghi una data poesia o prosa. Sebbene non vada confuso con una spiegazione dettagliata come quella che ci si aspetterebbe all’università, che sarebbe lunga dalle 5 alle 15 pagine, il commento è meno formulato e strutturato rispetto agli elaborati di letteratura mondiale, ma allo stesso tempo si attiene all’inglese formale standard.

Ci sono diversi disaccordi su ciò che costituisce un commento. Alcuni sostengono che, per sua natura, non è formale: può essere un “commento” (da cui il termine “commentary”) di ciò che l’esaminando vede in una data poesia. Sebbene questo approccio corra il rischio di sembrare la versione letteraria di una lista della spesa, fintanto che l’esaminatore vede un metodo organizzativo generale – un’idea, un concetto o un espediente letterario che il poeta usa per tenere insieme la poesia in modo coeso – il commento non ha bisogno di essere strettamente formulato come la tesina di cinque paragrafi (che è generalmente disprezzata nella maggior parte dei circoli perché scoraggia il pensiero divergente).

  Cercare di fare come fanno gli altri

Altri sostengono che questo approccio organico rende impossibile ipotizzare una vera e propria analisi letteraria. Una “tesi” iniziale sul tema della poesia, seguita dall’organizzazione dell’analisi in schemi, filoni o gruppi organizzativi, rende più facile seguire una presentazione persuasiva e olistica.

Questo sito web utilizza cookies proprietari necessari per una corretta visualizzazione dello stesso. Cliccando sul pulsante Accetta, accetti che venga usata questa tecnologia e la elaborazione dei tuoi dati a tale scopo.   
Privacidad