Obiettivo per foto scattate da vicino

Obiettivo per foto scattate da vicino

Lunghezza focale per riprese ravvicinate

Ho una Nikon D800 e un obiettivo zoom 70-120 mm e un obiettivo macro 105 mm. Mi occupo di ritratti e voglio essere in grado di scattare foto a distanza ravvicinata (a pochi metri di distanza) pur catturando l’intero corpo del soggetto nella foto.

Poiché i problemi di prospettiva entrano in gioco con gli obiettivi più ampi, la prassi normale per i ritratti a corpo intero è quella di utilizzare un obiettivo con un campo visivo (FoV) normale. Ciò richiederà una maggiore distanza tra la fotocamera e il soggetto, ma si otterrà un ritratto che non distorce le caratteristiche del soggetto. Entrambi gli obiettivi si trovano all’inizio della gamma dei teleobiettivi, quindi un obiettivo nella gamma 40-70 mm, pur essendo considerato un obiettivo normale, è più ampio di uno dei due obiettivi. La lunghezza focale classica per i ritratti a corpo intero è di circa 50 mm per una fotocamera che utilizza pellicole da 35 mm o un sensore delle stesse dimensioni, come la D800.

Ricordate che la prospettiva è determinata da una sola cosa: la distanza di ripresa. La lunghezza focale è secondaria in quanto determina la distanza di ripresa per una determinata inquadratura. Se si utilizza un obiettivo da 50 mm su una fotocamera full frame, per ottenere la stessa inquadratura del soggetto dalla stessa distanza si dovrebbe utilizzare un obiettivo da 33 mm o giù di lì su un corpo APS-C. Entrambi gli obiettivi mostreranno la stessa prospettiva quando vengono utilizzati alla stessa distanza di ripresa. Se si utilizzasse l’obiettivo da 50 mm sulla fotocamera APS-C, sarebbe necessario indietreggiare del 50% per ottenere la stessa inquadratura. A quella distanza, la prospettiva ottenuta sarebbe la stessa di un obiettivo da 75-80 mm su una fotocamera full frame.

  Come modificare lo sfondo di una foto

Qual è il tipo di obiettivo migliore per le foto dettagliate molto ravvicinate?

Un vero obiettivo macro consente di scattare primi piani drammatici di fiori. Scattata con un obiettivo macro da 105 mm su una fotocamera DSLR con un fattore di ritaglio 1,6x; 1/400 di secondo a f/8, ISO 200. Controllare lo sfondo del soggetto prima di scattare la foto, soprattutto se si è abbassato l’obiettivo.

Qual è il tipo di obiettivo migliore per la messa a fuoco ravvicinata?

Obiettivo macro

Questi obiettivi consentono al fotografo di mettere a fuoco un soggetto molto vicino e di riprodurlo a grandezza naturale in rapporto 1:1 sulla pellicola o su un sensore di immagine. Questi obiettivi sono popolari per soggetti come fiori, insetti e piccoli prodotti.

La migliore fotocamera per la fotografia di insetti

Uno degli aspetti positivi dell’utilizzo di una fotocamera DSLR per scattare foto ravvicinate è la possibilità di regolare l’apertura del diaframma e altre impostazioni per creare una fotografia ravvicinata di alta qualità. La fotocamera DSLR dispone anche di alcuni accessori progettati specificamente per le fotografie ravvicinate o macro.

Tra gli obiettivi per la fotocamera DSLR, i termini micro o macro si riferiscono entrambi allo stesso tipo di obiettivo. Entrambi sono in grado di realizzare il tipo di fotografia desiderato, ovvero far apparire grande un soggetto piccolo. Macro è il termine più comune, tuttavia, e si riferisce agli apparecchi DSLR progettati per la fotografia ravvicinata.

Affinché una foto possa essere definita macro, deve essere scattata con un obiettivo macro per DSLR, che deve essere in grado di scattare con un ingrandimento di almeno 1 a 1. Si può pensare che l’obiettivo macro sia una sorta di “macchina per fotografare”. Si può pensare agli obiettivi macro come alla ripresa di primi piani estremi.

Se non volete acquistare un obiettivo macro per la vostra fotocamera DSLR, potete comunque scattare foto ravvicinate semplicemente avvicinandovi al soggetto, riempiendo l’inquadratura con il soggetto stesso. Quasi tutti i tipi di obiettivi intercambiabili per reflex digitali funzionano per le foto ravvicinate.

  Applicazioni per cambiare sfondo alle foto

Quale obiettivo per i ritratti

Per cominciare, la fotografia macro e micro si riferisce di solito alla stessa cosa. Nikon chiama la sua gamma di “obiettivi macro” con la parola “micro”. Canon, invece, li chiama obiettivi macro. Ad esempio, l’obiettivo macro di punta di Nikon si chiama AF-S VR Micro-Nikkor 105 mm f/2,8G IF-ED. Si noti il termine micro in questo nome.

La fotografia macro è quella realizzata con un obiettivo macro dedicato. Un vero obiettivo macro è in grado di ottenere almeno un ingrandimento 1:1.  Il fatto che una fotocamera abbia la scritta macro non la rende un vero obiettivo macro. Sia gli obiettivi Nikon che quelli Canon sopra citati sono considerati veri obiettivi macro. Se non siete sicuri di come riconoscere un vero obiettivo macro, potreste trovare utile un articolo precedente intitolato “Cos’è un vero obiettivo macro”.

La fotografia ravvicinata è l’atto di fotografare oggetti come fiori o insetti a distanza ravvicinata, in modo che il soggetto fotografato riempia l’inquadratura. In altre parole, è l’atto di fotografare i soggetti da vicino. Questo è facilmente realizzabile con qualsiasi obiettivo, anche con un teleobiettivo da 300 mm.

Il miglior obiettivo macro

In fotografia, un obiettivo per primi piani (talvolta indicato come filtro per primi piani o filtro macro) è una semplice lente secondaria utilizzata per consentire la fotografia macro senza richiedere un obiettivo primario specializzato. Funzionano come occhiali da lettura, consentendo a un obiettivo primario di mettere a fuoco più da vicino.[1] Avvicinando la messa a fuoco, il fotografo ha più possibilità.[2]

  Macchina fotografica con due obiettivi sovrapposti

Le lenti close-up si montano in genere sulla filettatura dell’obiettivo primario,[3] e sono spesso prodotte e vendute da fornitori di filtri fotografici. Tuttavia, si tratta di obiettivi e non di filtri. Alcuni produttori chiamano le loro lenti close-up diottrie, come l’unità di misura del loro potere ottico.

Gli obiettivi close-up sono spesso indicati con il loro potere ottico in diottrie, il reciproco della lunghezza focale in metri. Per un obiettivo close-up, il valore delle diottrie è positivo: più grande è il numero, maggiore è l’ingrandimento effettivo.

Diverse lenti close-up possono essere utilizzate in combinazione; il potere ottico della combinazione è la somma dei poteri ottici delle lenti componenti.[5] Ad esempio, una serie di lenti di +1, +2 e +4 diottrie può essere combinata per fornire una gamma da +1 a +7 in passi da 1.

Questo sito web utilizza cookies proprietari necessari per una corretta visualizzazione dello stesso. Cliccando sul pulsante Accetta, accetti che venga usata questa tecnologia e la elaborazione dei tuoi dati a tale scopo.   
Privacidad