Come mettere la chiocciola sul mac

Lumaca svn

PC per accenderlo ed eseguire z-Tree, ho deciso di farlo funzionare sul mio Mac e condividere con voi quanto sia effettivamente facile.PreparazioneInstalleremo Xcode, Command Line Tools, MacPorts e Wine. Quindi, se avete già installato uno di questi strumenti, saltate pure le sezioni pertinenti. Questa esercitazione presuppone che abbiate una copia di ztree.exe e zleaf.exe. Se non si dispone di questi file, è necessario richiederli via posta elettronica utilizzando il contratto di licenza qui o trovare un amico con una copia.Passo 1: installare XcodeScaricare e installare Xcode dall’App Store

Fare clic su “Installa” per installare gli strumenti a riga di comandoFase 3: Installare MacPortsL’utilizzo di MacPorts consente di scaricare e installare software open-source su OS X in un batter d’occhio.Fase 4: Installare WineWine consente di eseguire applicazioni Windows all’interno di OS X (e di Linux)

e premere Command+V per incollare l’icona.Congratulazioni! Ora zTree è in esecuzione su Mac e sembra nativo!(Opzionale) Passo 7: Avviare zleaf per i testPer eseguire uno zleaf a scopo di test, inserire il seguente comando in un terminale nella directory contenente zleaf.exe:wine zleaf.exe /nome test1

Come installare svn su mac

Ho usato Cornerstone per controllare e gestire i file di configurazione del sistema con i nostri repo SVN. Ho cercato un’alternativa per un po’ e mi sono imbattuto in SnailSVN. Avevo usato TortiseSVN in ambiente Windows anni fa e funzionava bene per le nostre esigenze. È lento, ma me lo aspettavo, soprattutto viste le dimensioni dei nostri repo (molti piccoli file di configurazione). Mi piace l’integrazione con il Finder, che rende molto facile vedere lo stato dei file (aggiornati, modificati, non ancora aggiunti), ed eseguire commit e aggiornamenti.Avrei dato 5 stelle, ma per due problemi. Uno è probabilmente colpa mia, l’altro è il modo in cui funziona. Non sono riuscito a convincerlo a utilizzare la mia installazione di BBEdit per i confronti (diff). L’altro problema è che NON mantiene il timestamp sui file controllati. Mi affido al timestamp per sapere quando un file di configurazione è cambiato e quando devo inviarne uno nuovo al server (usando lo strumento SFTP di Yummy PRO). Sfortunatamente, tutte le copie locali dei file di configurazione riportano il timestamp del momento in cui le ho controllate e non dell’ultima volta che sono state modificate. Cornerstone è riuscito a mantenere l’ora di modifica, quindi so che si può fare. Mi piacerebbe vedere questa opzione nella configurazione di SnailSVN.

  Come mettere la password su whatsapp

Tutorial Smartsvn

Per impostazione predefinita, svn (e la maggior parte delle applicazioni Unix) passa il nome utente locale come nome utente per il login remoto. Sospetto che il nome dell’account sul server Subversion sia diverso dal nome dell’account locale. Pertanto, l’autenticazione fallisce la prima volta che si inserisce la password di Subversion e svn, come la maggior parte delle applicazioni Unix, chiede il nome utente e la password remoti e tenta una nuova autenticazione. È possibile passare il nome utente remoto usando l’opzione –username di svn:

Ho risolto questo problema rimuovendo il file di autenticazione corrispondente in ~/.subversion/auth/svn.simple (trovare quello giusto con grep perché hanno nomi strani). Dopo il successivo svn in quel repository (dove svn chiedeva nome utente e password) ora funziona correttamente.

  Come mettere la password al pc

Ho riscontrato lo stesso problema quando ho eseguito i comandi svn da una finestra ssh. Basandomi su alcuni commenti precedenti ho rimosso il file associato in ~/.subversion/auth/svn.simple e poi ho eseguito il mio comando svn da una sessione di terminale direttamente sul computer OSX, il che ha fatto apparire una finestra che chiedeva se volevo concedere il permesso a svn di leggere il mio portachiavi. Ho concesso il permesso per sempre e ora il comando svn nella mia finestra ssh funziona senza che mi venga richiesta la password.

Comando svn Mac non trovato

Così è iniziato il nostro viaggio di un anno per sviluppare un’idea ridicola di simulazione di incontri. Il gioco è ispirato da dozzine di contributi di persone entusiaste della storia delle lumache. Si svolge in una città isolata, patria del popolo delle lumache: Shelltown.    Seguite la nostra eroina in un viaggio alla scoperta di se stessa, mentre impara cosa significa veramente essere una lumaca.

Cosa succede se una lumaca non riesce ad accettarsi per quello che è?    La signorina Escargot crede che sarà più felice se si unirà agli umani e così si iscrive a una prestigiosa università umana. Viene accettata e questo le dà un motivo in più per lasciare Shelltown.  Inizia la sua ricerca per uscire dal guscio.

Purtroppo, le cose non vanno così bene come pensava. Incontra molti potenziali interessi amorosi mentre impara a conoscere meglio se stessa e il suo passato. I misteri vengono svelati e la portano a chiedersi cosa significhi veramente essere una lumaca.

  Come mettere un app sul desktop

Il gioco ha attualmente due percorsi con oltre 100.000 parole, ognuno dei quali contiene un intero arco narrativo lungo come un libro con molteplici finali positivi e negativi. Se la portata del nostro progetto potrà espandersi, stiamo pensando di aggiungere altri archi con diversi personaggi per arricchire il mondo di Snail Story.

Questo sito web utilizza cookies proprietari necessari per una corretta visualizzazione dello stesso. Cliccando sul pulsante Accetta, accetti che venga usata questa tecnologia e la elaborazione dei tuoi dati a tale scopo.   
Privacidad