Aprire un e commerce senza partita iva

Aprire un e commerce senza partita iva

Prezzi Lovat

Per le aziende che operano nell’Unione Europea (UE), potrebbe essere necessario registrare la propria attività con un numero di partita IVA in un altro Paese dell’UE. I requisiti variano da Paese a Paese, ma si basano sulla Direttiva IVA dell’UE, che deve essere recepita nella legislazione locale da ogni Stato membro.

Nell’ambito degli sforzi per armonizzare il sistema europeo dell’IVA e sostenere la spinta verso un mercato unico europeo dei beni e dei servizi, i requisiti per la registrazione di un numero di partita IVA dovrebbero essere gli stessi in ogni Paese. I casi tipici in cui un operatore straniero è tenuto a registrare un numero di partita IVA locale sono:

In generale, le società non residenti devono registrarsi immediatamente per l’IVA.    Le soglie di registrazione IVA delle società residenti sono riportate qui.    Un’altra eccezione è rappresentata dalle società di commercio elettronico, per le quali è previsto uno speciale regime di soglie di registrazione IVA per le vendite a distanza.

Una volta stabilito l’obbligo di registrazione IVA, il processo può iniziare. Di base, le aziende devono essere registrate ai fini IVA (aziende UE) o fiscali (aziende non UE). Dovranno quindi compilare e presentare un modulo di registrazione IVA locale, insieme alla documentazione di supporto. Il modulo di richiesta sarà spesso redatto nella lingua locale. I Paesi dell’UE sono sempre più restii a fornire traduzioni di documenti, poiché ciò può creare malintesi.

  Come vedere gli stati su whatsapp senza essere visti

Controllo del numero di partita IVA

La ricezione del numero di partita IVA può richiedere fino a 12 settimane. I tempi variano da Paese a Paese.    In Germania, ad esempio, i tempi sono di circa 8 settimane, perché all’inizio l’azienda deve ottenere il numero fiscale generale Steuernummer in tedesco. Lo stesso approccio in Francia: all’inizio l’azienda deve ottenere un codice fiscale francese SIREN (o SIRET) e i tempi medi per la registrazione IVA francese sono di 6 settimane. Spesso durante il processo il funzionario fiscale può chiedere di fornire ulteriori informazioni o documenti, allungando così il processo. Normalmente si può iniziare a vendere e si hanno 30 giorni di tempo per ricevere il certificato IVA. Potete chiedere al nostro team di assistenza la durata media della registrazione IVA nel vostro Paese.

Dipende se siete un’azienda o un imprenditore individuale. Il documento principale è l’estratto del registro delle imprese (good standing). Questi documenti dimostrano lo stato attuale di un’azienda nel suo Paese di stabilimento. A volte è necessaria una copia dell’atto costitutivo e dello statuto. Documento per il direttore della società – passaporto o carta d’identità.

Conformità all’IVA

Che la vostra azienda sia situata all’interno dell’Unione Europea o al di fuori di essa, se spedite ai clienti dei Paesi europei, dovrete pagare l’imposta sul valore aggiunto (IVA). In questa pagina elencheremo le norme IVA vigenti per le vendite transfrontaliere nell’UE.

L’imposta sul valore aggiunto, o IVA, nell’Unione Europea è un’imposta sui consumi che viene applicata al valore aggiunto di beni e servizi. Viene applicata come percentuale del prezzo, il che la rende un’imposta sul consumo. I consumatori la pagano come parte del prezzo e il rivenditore la versa alle autorità. Si tratta quindi di un’imposta indiretta.

  Come non ricevere messaggi su whatsapp senza bloccare

L’IVA si applica più o meno a tutti i beni e servizi acquistati e venduti per uso o consumo nell’Unione Europea. Le importazioni sono tassate per mantenere il sistema equo per i produttori dell’UE, in modo che possano competere a parità di condizioni con i fornitori situati al di fuori dell’UE.

Se un’azienda situata all’interno dell’Unione Europea vende a consumatori di un altro Paese dell’UE, esistono alcune regole relative all’IVA. L’UE ha fissato una soglia per tutte le vendite a distanza. Se l’azienda con sede nell’UE realizza meno di 10.000 euro con le vendite a distanza, l’azienda applica l’aliquota IVA del Paese in cui ha sede a tutti i clienti a cui effettua le spedizioni. I clienti devono solo compilare i moduli per la dichiarazione dei redditi locali.

Conformità Lovat

L’Unione Europea (UE) sta apportando importanti modifiche alle norme sull’imposta sul valore aggiunto (IVA), che entreranno in vigore il 1° luglio 2021. Ciò avrà un impatto sulle imprese che vendono oltre i confini dell’UE (note anche come venditori a distanza) e sulle imprese che esportano merci ad acquirenti nell’UE.

Se spedite prodotti nell’UE da Paesi al di fuori della regione e desiderate addebitare l’IVA su ordini fino a 150 euro, dovrete aggiornare le vostre impostazioni fiscali con il numero di partita IVA dell’Import One Stop Shop, che vi consentirà di presentare un’unica rimessa dell’IVA per tutta l’UE.

  Recuperare chat whatsapp cancellate android senza backup

Ogni Stato membro dell’UE avrà un portale OSS online dove potrete registrarvi. Questa registrazione unica sarà valida per tutte le vendite a consumatori di altri Stati membri dell’UE in cui non si ha una presenza fisica.

I commercianti dell’UE devono registrarsi nel loro Paese di stabilimento. I commercianti extra-UE devono, in linea di principio, registrarsi nel Paese in cui inizia il trasporto. Se le merci vengono spedite da più Paesi dell’UE, il commerciante extra-UE può scegliere il Paese dell’UE in cui desidera registrarsi.  Consultate un professionista fiscale per assicurarvi di fare la scelta giusta per la vostra attività.

Questo sito web utilizza cookies proprietari necessari per una corretta visualizzazione dello stesso. Cliccando sul pulsante Accetta, accetti che venga usata questa tecnologia e la elaborazione dei tuoi dati a tale scopo.   
Privacidad